Menu

  Cell. 349.3301981 - Tel. 0464.505090

  • slidebg1
  • slidebg1
  • slidebg1

La natura attorno al rifugio Pernici

Il rifugio si trova al centro del Sito d'Importanza Comunitaria denominato Pichea -Rocchetta, che concorre, assieme ad altre analoghe Zone, alla formazione della Rete di Riserve delle Alpi Ledrensi.
L'azione combinata delle antiche glaciazioni associate all'influsso climatico del bacino del lago di Garda e alla presenza delle rocce calcaree, hanno consentito la crescita e lo sviluppo di una grande varietà di specie vegetali che, da secoli, sono al centro dell'attenzione dei più famosi botanici internazionali.
Il numero di specie endemiche presenti risulta essere il più alto di tutto il ricco patrimonio Trentino.
Dai boschi di faggio e dalle abetaie si sale, attraverso i pascoli e le malghe che testimoniano il duro lavoro nei secoli dell'uomo, alle mughete, alle praterie ed alle rocce di alta quota.
Questa straordinaria varietà di habitat e di forme di vita sia vegetale che animale rende possibile uno straordinario livello di biodiversità. Il territorio ospita numerose specie animali che, in questa grande varietà di ambienti, hanno trovato il luogo adatto per vivere e riprodursi.
Tutte le specie animali tipiche dell'arco alpino, dai più piccoli invertebrati all'orso, hanno qui la possibilità di esistere. L'autunno si ha l'opportunità di ammirare lo spettacolare passaggio degli uccelli migratori dai valichi di Trat e Saval che sono annoverati tra i più importanti punti di migrazione di tutte le Alpi.
L' eccezionalità del valore naturalistico di questo territorio associato alla capacità dei suoi abitanti di utilizzarlo e conservarlo è stato pure sancito e premiato dall' UNESCO con l'assegnazione dell'ambito riconoscimento internazionale di "RISERVA DELLA BIOSFERA".
Un importante riconoscimento, ma anche la grande responsabilità di trasmettere questo patrimonio inalterato alle generazioni future.
Un paesaggio da gustare lentamente, da assaporare, camminando e prendendosi il tempo di guardarsi attorno per osservare la natura circostante, l'incanto di una guglia strapiombante, ma anche il volo di un uccello o il piccolo fiore che cresce nascosto in una fessura della roccia.

;